Cerca nel blog

lunedì 26 febbraio 2018

L'INCREDIBILE AVVENTURA DI GIL PEREZ


Gil Perez, un soldato vissuto nel XVI secolo, fu membro della Guardia Civile filippina. Prestò servizio a  Manila, al palazzo del Governatore e condusse la tipica vita dei soldati del tempo. Prestava regolarmente le sue mansioni per il Governo, quanto meno fino al 24 ottobre 1593, giorno in cui svolgeva un turno di guardia.
La notte prima, Pirati cinesi avevano assassinato il governatore Gomez Perez Dasmarinas e le guardie sorvegliavano assiduamente il palazzo, nell’attesa che fosse  nominato un nuovo Governatore. Stanco, Gil si appoggiò a un muro socchiudendo gli occhi. Quando li riaprì, si trovò in un luogo sconosciuto. Non sapendo cosa pensare né come agire e trovandosi nei pressi di un palazzo governativo, pensò bene di continuare a montare la guardia. Fu avvicinato da uno sconosciuto che attirato dalla sua uniforme, di foggia diversa, iniziò a porgli alcune domande, rappresentandogli che si trovava a Plaza Mayor, a Città del Messico.
Gil Perez fu interrogato dalle autorità e raccontò come meglio poteva la sua storia; fece anche menzione dell’assassinio del Governatore di Manila. Nessuno gli credette: a Città del Messico non era ancora giunta la notizia della morte del Governatore. Tuttavia Gil, che indossava l’uniforme delle guardie del palazzo di Manila, fu arrestato ritenendo potesse trattarsi di un disertore o, peggio, di un servo del diavolo.
Due mesi dopo, una nave giunta dalle Filippine, portò la notizia della morte del governatore. Alcuni membri dell’equipaggio affermarono di conoscere Gil Perez, ma non sapevano che si  trovava a Città del Messico: l’ultima volta era stato visto, il 23 Ottobre, al Palazzo del Governatore, a Manila.
Stando così le cose, non senza perplessità, le autorità di Città del Messico decisero di rilasciare Perez, che da quel momento in poi, si presume, continuò a vivere una vita normale.
Alcune fonti affermano che la storia di Gil sia stata scritta subito e giace tuttora in qualche vecchio archivio della polizia di Città del Messico in attesa di essere ritrovata. Ma, in assenza di questo documento, è arduo stabilire se questa storia sia realmente accaduta o sia solo un racconto che si è tramandato nei secoli.